Salta al contenuto principale

Traduzioni più precise con Google traduttore

Grazie alle reti neurali

 

Le traduzioni di Google traduttore diventano più precise e accurate. Ciò è possibile grazie all’ultimo aggiornamento di Google che vede l’uso di reti neurali.


Questa tecnologia dà risultati decisamente migliori rispetto al precedente sistema, basato su sequenze di frasi, perché permette di tradurre interi periodi anziché uno parte per volta.


Grazie al machine learning o apprendimento automatico, un software imita il nostro cervello. Piccole unità computazionali fanno calcoli e poi passano informazioni ad altre unità, comportandosi come i neuroni, cioè collegandosi tra loro come una grande rete. È così che funzionano le reti neurali, una tecnologia basata sull’intelligenza artificiale che si applica oramai a tanti settori. 


Fino ad oggi, Google traduttore operava su frasi brevi che venivano tradotte letteralmente, considerando poco il contesto. Adesso si possono tradurre intere frasi, contestualizzando ogni termine e seguendo il filo del discorso. Il risultato sarà una traduzione più precisa e più vicina al linguaggio di un madrelingua, in particolar modo quando traduciamo una frase intera.


Il nuovo metodo è già utilizzabile attraverso le app mobile per Android e iOS, all'indirizzo translate.google.it e tramite la Ricerca Google. In futuro verrà implementato anche nelle traduzioni automatiche delle pagine web di Chorme.